Visto da destra

ClicLavoro Veneto, un portale a servizio del cittadino

È online ClicLavoro Veneto, la piattaforma regionale di servizi e informazioni sulle tematiche inerenti Lavoro, Formazione e Istruzione, uno strumento informatico per offrire servizi utili ai cittadini, alle imprese, agli studenti e agli operatori.

Il portale è arricchito anche da una sezione di news e approfondimenti sulle tematiche del lavoro. Non si tratta di un aggiornamento in chiave locale del sito nazionale (www.cliclavoro.gov.it), ma di un modo completamente nuovo di intendere questo tipo di servizio: un aggiornamento 2.0, che mette subito in contatto chi cerca lavoro con chi lo offre.

Conosciamolo da vicino www.cliclavoroveneto.it

Di seguito l’articolo pubblicato sul Corriere del Veneto del 23 novembre.

131123 clic lavoro corriere veneto

JOB&Orienta: verso l'isola che c'è

131121 Job orienta

Non poche volte si è usato immaginare il punto di vista dei giovani che si affacciano nel mondo del lavoro paragonandolo a un mare aperto, dove si può prendere l’orientamento e finire per sbagliare rotta, rischiando di approdare su terre che non erano la destinazione scelta all’inizio del viaggio.
L’incertezza o la difficoltà del percorso non possono e non devono impedire ai giovani talenti quali quelli veneti di affrontare questo lungo viaggio.

Il tema centrale di JOB&Orienta 2013 è proprio il lavoro, le sue criticità, le sue difficoltà ma anche con la professionalità e soddisfazione che dovrebbero sempre caratterizzarlo.

Come Assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro sento forte la responsabilità di fornire quanti più strumenti per sfidare le avversità lavorative del momento, prima di tutto con la formazione di nuove professionalità che riescano ad inserirsi nei settori chiave del mercato del lavoro.
Nello stand della Regione del Veneto, curato dal regista Giancarlo Marinelli, questo messaggio vuole arrivare in modo forte e concreto con la rappresentazione de “L’Arca del Futuro – L’Isola che c’è”.
Il percorso articolato in cinque distinte fasi rappresenta la strada – non priva di difficoltà – che si auspica porti tutti all’Arca del Futuro, che traghetterà verso l’isola che c’è.
Il lavoro, quindi un futuro, una famiglia, non possono essere soltanto un’utopia, ma devono poter diventare delle certezze cui giungere nella vita di ciascuno di noi.

Tali obiettivi si concretizzano nelle molteplici attività che l’amministrazione regionale ed in particolare l’Assessorato sta realizzando. Prima tra tutti le “Work experience” che attraverso i tirocini curriculari offrono un’opportunità formativa altamente professionalizzante e direttamente in azienda; esperienza preziosa non solo per i destinatari delle attività ma anche per gli imprenditori delle imprese venete che hanno la possibilità di mettere a fuoco le capacità e le professionalità dello stagista, formandolo nella propria realtà aziendale. Il 55% delle imprese ha già offerto lavoro a ex stagisti e durante gli stage gli studenti hanno imparato come ci si comporta in ambito lavorativo, fattore assolutamente importante.

Con la consapevolezza che lo sviluppo della cultura imprenditoriale inizia proprio nelle scuole, si è voluto continuare nella stesura di un quadro di interventi integrati a supporto dell’occupazione giovanile, rivolto in particolare ai giovani in uscita dai percorsi triennali di istruzione e formazione professionale che non intendono proseguire la carriera scolastica, attraverso “Tirocini di inserimento lavorativo”.
Totalmente rivolto alle imprese sono le azioni previste dalla direttiva “Rilanciare l’impresa veneta” volte e sostenere le aziende e il loro capitale umano ed indirizzarle verso misure per l’efficienza, l’innovazione, l’internazionalizzazione, lo sviluppo sostenibile.

Auguro a tutti i “viaggiatori” che affrontano il loro personale viaggio di prendere il largo alla volta di nuove esperienze e di fare ritorno nella propria, unica e straordinaria terra veneta!

Assessore per un giorno

"Assessore per un giorno" é l'iniziativa che ho voluto per avvicinare il cittadino al lavoro che faccio da assessore e da politico. Un cittadino può chiedere di accompagnarmi dalla mattina alla sera nella mia giornata, tra impegni istituzionali, politici, telefonate e incontri. Il cittadino può scegliere quale giornata consultando la mia agenda che é visibile sul sito www.donazzan.it.

Matteo Fabris e Luca Scarola hanno scelto una bellissima giornata: inaugurazione a Fiera Cavalli, premiazione degli Istituti Agrari con il Ministro per le Politiche Agricole De Girolamo e il Presidente Zaia con cui abbiamo fatto una foto insieme a Silvio Giovine. La giornata poi è proseguita alla presentazione di una iniziativa imprenditoriale sulle energie rinnovabili a Padova ed infine un convegno sul ruolo della finanza in tempo di crisi a Villa Cordellina a Vicenza.

Matteo Fabris è laureando in Giurisprudenza a Padova mentre Luca Scarola é agente immobiliare.

Sono stata particolarmente felice che a chiedermi di venire a fare "l'Assessore per un giorno" fossero due persone con cui ho un rapporto decennale di condivisione di ideali e stili di vita - commenta l'Assessore regionale - ma che in fondo non conoscevano il mio ruolo da assessore regionale.foto assessore per un giorno

Legge di Stabilità - cassa integrazione in deroga

Carissimi,
In queste ore siete chiamati ad assumere importanti decisioni in merito alla Legge di Stabilità.

In un momento di così grave crisi per l’Italia e di difficoltà per le casse della finanza pubblica vi chiedo di soffermarvi sulla importanza che ha avuto la copertura della cassa integrazione in deroga per il nostro tessuto produttivo, i nostri lavoratori del settore privato e le loro famiglie.

La crisi, tutt’altro che attenuata, si è acuita ulteriormente nell’ultimo anno.

L’ipotizzata insufficienza di risorse per gli ammortizzatori sociali in deroga, che ricordo sostengono le imprese sotto i 15 dipendenti ed il settore dell’artigianato, pilastri fondamentali per la nostra comunità, getta ulteriore allarme sociale.

Nel 2013 le aziende che hanno fatto richiesta di cassa integrazione in deroga sono state 12500, l’effettivo utilizzo è stato del 22% ed ammonta a 115.000.000 di euro, a testimoniare il grande senso di responsabilità delle nostre imprese.

La cassa non è uno strumento di mera assistenza, ma è la ragione stessa per cui l’impresa resta aperta e non perde il valore dei propri collaboratori e i lavoratori mantengono vivo il rapporto di lavoro con la propria impresa.

C’è tanto da “tagliare” nella elefantiaca spesa pubblica, nella gigantesca macchina politico-amministrativa, negli istituti superati dei troppi privilegi di troppe caste, nella indifferenza di chi troppo ha o ha avuto ed oggi rischia di schiantare le fragili spalle del settore privato e soprattutto delle imprese italiane.

Mi aspetto che si tagli oltre la timidezza di queste ore, ma non si eluda la responsabilità di restituire al settore privato, ancorché nella forma degli ammortizzatori sociali ciò che gli è dovuto.

Attendo con imprese e lavoratori del Veneto un segno di risposta concreto.

A ROMA MANIFESTIAMO PER I MARO'

Venti mesi caratterizzati da una parte da ingiustizie, decisioni incomprensibili ancorché ridicole, negligenze diplomatiche e governative; dall'altra da quel senso di onore e dignità che i nostri due marò congiuntamente ai loro familiari hanno sempre mostrato da quel maledetto giorno in cui questa vergognosa vicenda ha avuto inizio. Io parteciperò alla manifestazione organizzata dai familiari dei Fucilieri di Marina prigionieri in India, che si svolgerà sabato 23 novembre a Roma, invito voi tutti ad esserci.
Il colpevole silenzio a cui ci hanno abituato le nostre istituzioni è stato squarciato dal desiderio di giustizia che le famiglie dei Fucilieri del Battaglione San Marco Latorre e Girone hanno deciso di esternare con una manifestazione che spero possa vedere una sentita e trasversale partecipazione. L'Italia ha un disperato bisogno di Unità, quel senso di appartenenza collettivo ad una Patria e che dovrebbe prescindere da divergenze politiche o ideologiche. E' la Patria tutta che dovrebbe rispondere presente all'accorato appello dei familiari dei nostri due marò è la Patria tutta che dovrebbe pretenderne la liberazione immediata ed il rientro a casa, è sempre la Patria tutta che avrebbe dovuto inorridire di fronte a questi infiniti giorni di una prigionia che non hanno minimamente scalfito l'onore dei nostri due militari ma macchiato indelebilmente la coscienza del nostro Stato.
Il 23 novembre l'Italia ha un'occasione per destarsi, non perdiamola.
Dal Veneto saremo presenti con pullman, militanti e tanta sete di giustizia e verità.
L'appuntamento è a Roma in Piazza Bocca della Verità alle ore 15, da li il corteo si snoderà per le vie del centro per concludersi alle ore 17 in Piazza Santi Apostoli.

Tutti insieme per i maro