News dalla regione veneto

VENETO, TERRA DI INDUSTRIA FELIX STORIE DI ORDINARIA IMPRENDITORIALITÀ E DI STRAORDINARIA COMPETITIVITÀ: PREMIATE 29 AZIENDE

Quando chiedi ad un imprenditore veneto la storia della sua azienda, spesso la risposta inizia con "Niente, anni fa....": i nostri 'capitani d'industria' sono self-men, persone che si sono fatte da sole e che magari minimizzano una storia di successo e di grande responsabilità sociale. Il Veneto, invece, è una regione dai grandi risultati, fatto di piccole, medie e grandi realtà imprenditoriali che riescono a competere a livello internazionale per la propria qualità e affidabilità.

L'attenta analisi dei dati aziendali (dai bilanci, al fatturato, al numero di addetti)consente di rilevare la virtuosità delle migliori realtà produttive del Veneto, piccole, medie e grandi: ne esce una fotografia, precisa e dinamica, delle capacità imprenditoriali e produttive del Veneto e della straordinaria competitività della sua industria.

Le migliori imprese del 2018 sono state scelte da un Comitato scientifico presieduto da Cesare Pozzi, docente di Economia dell'impresa dell'università LUISS, che ha valutato i bilanci 2016 (ultimo dato disponibile) di 13.718 Pmi e grandi imprese, con sede in Veneto e con fatturati compresi tra i 2 milioni e i 12,4 miliardi.
Queste le 29 aziende premiate per le migliori performance gestionali: Arilica Food & Beverage Services (Vr), Arkimedia (Pd), Camping Internazionale La Quercia (Vr), Ceccato Automobili (Vr), Clivet (Bl), Conceria Pasubio (Vi), Cucina nostrana (Ve), F.I.S. (Vi), Gi.Di. Meccanica (Tv), Giada (Ro), Gottardo (Pd), Hausbrandt Trieste 1892 (Tv), Impianti turistici Boè (Bl), Lidl Italia (Vr), Maricell (Bl), Marina di Venezia (Ve), Masi Agricola (Vr), Molino Rossetto (Pd), Nuova Ompi (Pd), Pedrollo (Vr), Pixartprinting (Ve), Pizzato Elettrica (Vi), Rubens Luciano (Ve), Save (Ve), Spac (Vi), Speedline (Ve), Value Transformation Services (Vr), Vega Carburanti (Ve), Zignago Vetro (Ve).
Hanno ottenuto una menzione speciale: Agenzia formativa Dante Alighieri (Ro), De Rigo (Bl), De' Longhi (Tv), Edizione (Tv), Fadi Stil Italia (Vi), Gecos (Ve), Globus Sped (Ve), Gruppo Pam (Ve), Irsap (Ro), Maior (Pd), Mictu (Bl), Prisma (Vi), Proservice (Pd), Stocksolutions (Vi), Zhermack (Ro), Zoppas Industries (Tv).

DISABILI: AL VIA PERCORSI MIRATI DI COLLOCAMENTO NELLE SETTE PROVINCE - PROGETTI PER 8 MILA PERSONE, FINANZIATI CON 15 MLN DI FONDI FSE

Per la prima volta, nella programmazione dei fondi FSE dedicati all'inclusione sociale, abbiamo dedicato una misura esclusivamente al collocamento delle persone con disabilità impegnando una quota considerevole del nostro programma operativo. Si tratta di un piano ambizioso di orientamento e formazione, che favorirà l'incrocio tra domanda e offerta, tra aziende (tenute al collocamento obbligatorio dei disabili) e iscritti alle liste di collocamento mirato. Secondo i nostri calcoli circa 8 mila persone con disabilità saranno coinvolte in un percorso attivo di ricerca del lavoro, di motivazione, affinamento delle proprie conoscenze e capacità, di accompagnamento all'inserimento occupazionale.

Dei 15 milioni di risorse stanziate per il 2018, il 70 per cento è destinato alle attività di formazione, il 30 per cento andrà direttamente ai disabili partecipanti, sotto forma di voucher mensile per le spese di trasferta (150 euro) e di indennità di frequenza (6 euro l'ora), fino ad un massimo di 522 euro pro capite.

L'esperienza dimostra che il collocamento obbligatorio funziona là dove si realizza un effettivo incontro tra esigenze individuali ed richieste aziendali, tra motivazione del singolo e valorizzazione delle conoscenze e delle competenze. Con questo piano straordinario di orientamento e formazione puntiamo a qualificare ulteriormente i Centri per l'impiego che avranno così modo di aggiornare le liste del collocamento mirato e di accompagnare, con azioni specifiche, l'inserimento delle persone con disabilità. Grazie al partenariato allargato ad oltre 300 soggetti, pubblici e privati, si potranno evitare frammentazioni e sovrapposizioni di iniziative e valorizzare il meglio dei servizi e delle realtà aziendali presenti nei diversi territori. E' un piano che guarda lontano, anche nella prospettiva di orientare al meglio le risorse ordinarie del Fondo regionale per il diritto al lavoro dei disabili.

Nell'ultimo quindicennio (2001-2016) la Regione Veneto ha ottenuto, grazie ai progetti di inserimento sociale e occupazionale curati dalle Province e dai cenrtri per l'impiego , circa 73milioni di euro dal riparto del Fondo nazionale per il diritto allo studio dei disabili, ottenendo quote di assegnazione tra il 16 e il 22 per cento del budget nazionale. Una percentuale di riparto nettamente superiore alla quota procapite, che si aggira tra l'8 e il 9per cento e che ha premiato la capacità del sistema Veneto di realizzare misure e interventi di politica attiva per il lavoro.

IL VENETO PRESENTA IL 'PAN DA VIN" PARTNER DEL PROSECCO

Il 'pan da vin', il pane speciale da abbinare alle degustazioni di Prosecco, creato dagli studenti della scuola di ristorazione Dieffe di Valdobbiadene, è il partner 'ufficiale' del Prosecco al Vinitaly. Il 'matrimonio' è stato celebrato nello spazio espositivo della Regione Veneto, alla presenza degli studenti dell'istituto professionale di Valdobbiadene che ha 'brevettato' la ricetta, del dirigente dell'istituto, Alberto Raffaelli, del broker food&beverage che distribuisce il 'pan da vin' nella grande distribuzione, Gianantonio Tramet, del presidente del Consorzio di tutela del Prosecco Superiore Docg Innocente Nardi, e degli assessori regionali Elena Donazzan (Istruzione, formazione e lavoro), Federico Caner (Turismo e promozione) e Giuseppe Pan (Agricoltura).

Il "Pan Da Vin" è un pane da degustazione, a forma di cialda, fragrante e croccante, realizzato utilizzando solo ingredienti 'made in Veneto', pensato dagli studenti della scuola professionale di Valdobbiadene per accompagnare ed esaltare le bollicine del Prosecco Superiore. Il cracker, adottato come 'partner' ufficiale dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Superiore Docg e da altre importanti cantine delle terre del Prosecco, viene servito e raccontato da una ventina di studenti del Dieffe che si alternano in queste giornate espositive negli stand delle aziende trevigiane presenti al Vinitaly.

Il 'pan da vin' è un riuscito 'brevetto' delle scuole professionali venete, che si qualificano sempre più come 'aziende formative' e che sta conquistando anche il mercato del grande consumo. Il connubio che si celebra al Vinitaly è la dimostrazione concreta della validità del nostro sistema formativo, della capacità di un territorio di fare filiera 'a chilometro zero', dal campo alla scuola all'azienda, dell'eccellenza degli ingredienti e della fantasia enogastronomica della nostra regione che si traduce in dinamismo imprenditoriale.

ALL'ALZABANDIERA CON IL GEN. PAOLO SERRA, COMANDANTE COMFOPNORD

Il prossimo 4 maggio, 157° anniversario della nascita dell'esercito italiano, sia giornata di riflessione e di sensibilizzazione nelle scuole del Veneto sul ruolo delle forze armate nel nostro Paese. Questo il mio auspicio espresso nella prima visita a Padova al Generale di Corpo d'Armata Paolo Serra, attuale Comandante del Comando Forze Operative Nord (COMFOPNORD), da pochi mesi subentrato al generale Bruno Stano.

Con il generale Serra c'era un rapporto di conoscenza preesistente, data la sua alpinità e le molte occasioni istituzionali condivise. Ora ritrovare il generale in veste di massima guida del comando interforze del Nord Italia è per me un onore e un impegno per promuovere in tutte le istituzioni educative la conoscenza di una realtà complessa, innovativa e di grande eccellenza nel panorama delle forze armate italiane ed estere.

Ho voluto significare al comandante l'amicizia della regione del Veneto, come istituzione e nella sua accezione di comunità: qui la divisa dell'esercito italiano è amata e rispettata e si guarda con affetto ai nostri soldati. Tra le tante iniziative che la Regione condivide con l'Esercito italiano ci sono quest'anno le celebrazioni nelle scuole per il centenario della conclusione della prima guerra mondiale.

Il rapporto tra forze armate e nuove generazioni deve trovare proprio nella scuola uno degli ambiti privilegiati, per comprendere più da vicino i valori di una appartenenza e di una scelta di vita orientata al bene comune.

Con il generale Serra ho condiviso la comune intenzione di coinvolgere sempre più le scuole del Veneto promuovendo la presenza di rappresentanti dell'Esercito in occasioni e incontri formativi, come testimoni di una funzione pubblica indispensabile per la sicurezza e la protezione dei cittadini.

IN SOPRALLUOGO CON DIRETTORE AGENZIA DOGANE: LA LOCOMOTIVA VENETA DELL'EXPORT CHIEDE SERVIZI DI PROSSIMITÀ

Ho incontrato oggi a Bassano del Grappa il direttore interregionale dell'Agenzia delle Dogane, Franco Letrari, per un sopralluogo al fine di verificare la possibilità di attivare servizi di prossimità nel territorio bassanese, nell'ambito di una più ampia operazione di verifica che l'Agenzia sta effettuando in tutto il territorio veneto, per una riorganizzazione volta a rispondere in maniera più efficace alle esigenze degli operatori economici.

Da tempo le associazioni di categoria degli artigiani e delle piccole industrie, con in testa il Presidente regionale di Confimi William Beozzo ed il presidente del mandamento di Confartigianato di Bassano del Grappa Sandro Venzo, mi hanno sollecitata a trovare possibili soluzioni per riprendere un servizio essenziale per l'import-export di un territorio ad alta produttività qual è quello del bassanese.

Ho trovato grande attenzione e sensibilità da parte della Agenzia delle Dogane, e in particolare del direttore Letrari, che ha non solo compreso l'importanza del decentramento dei servizi, ma si è puntualmente attivato per immaginare una riorganizzazione su tutto il Veneto, a partire dai distretti a più alta densità di imprese, dimostrando così come lo Stato possa essere utile quando si ripensa mettendo al centro le imprese.

Il sopralluogo odierno, voluto dal direttore, ha interessato Cittadella (con il suo importante snodo ferroviario), Bassano del Grappa, Montebelluna, Conegliano Veneto e Sedico.

A William Beozzo spetta ora il compito di coordinare le diverse associazioni di categoria del territorio, come suggerito peraltro dal direttore interregionale dell'Agenzia delle Dogane, con l'intento di organizzare entro breve una riunione operativa sul tema.

Ho trovato particolarmente efficace l'approccio dell'Agenzia delle Dogane che ha deciso di coinvolgere la Regione del Veneto, e specificatamente l'assessorato al Lavoro, nonchè l'Agenzia delle Entrate, nella verifica organizzativa dei propri servizi.