2 items tagged "Terzo tempo"

Risultati 1 - 2 di 2

TERZO TEMPO

Lunedì, 02 Dicembre 2013 11:23

Il rugby è uno sport duro ma correttissimo, per vincere devi avere una squadra affiatata, che non molla, che sa passare la palla.  È quello sport nel quale c'è il terzo tempo dove le squadre, dopo le mischie, la durezza del confronto, la vittoria o la sconfitta, con le loro rispettive maglie, stanno insieme.
É l'unico sport nel quale, per andare avanti e fare meta, si deve passare la palla indietro, si deve guardare indietro per andare avanti.
Terzo Tempo é il titolo che abbiamo voluto per il quarto incontro nazionale dei Patrioti per chiudere definitivamente con la prima e, semmai c'è stata, seconda repubblica e costruire definitivamente la terza con idee nuove e facce nuove senza perdere i presidi conquistati a fatica : bipolarismo, federalismo fiscale, presidenzialismo.
Ho immaginato di vedere le due squadre in campo e di leggere, sui numeri di maglia, le età dei protagonisti. Da una parte 47( Letta) , 38 (Renzi), 38 (Civati 38), 52 (Cuperlo); dall'altra  77 (Berlusconi), 72 (Bossil),  66 anni (La Russa),  in panchina 70 ( Monti) ... questi ultimi tutti nati prima della prima eterna prima Repubblica.
Direttore del gioco : 88!!!  (Napolitano) La squadra della sinistra è fresca, corre, ha fiato e entusiasmo dibatte su temi e programmi;  la nostra squadra si è divisa più per questioni personali, protagonismi, interessi di parte é stanca e i nostri tifosi sugli spalti sono restati a casa.

Sabato a Pavia nonostante neve e gelo, una sala gremita ha dibattuto dalle 15.45 alle 19.45 su come costruire una nuova repubblica, su quali presupposti e con quali azioni.
Una generazione di quarantenni, amministratori, innamorati della politica, eletti in università  si sono susseguiti al microfono e le considerazioni sono state perfettamente assonanti, le proposte  emerse potrebbero far parte di un unico programma elettorale. Rappresentati di Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia o che non si riconoscono attualmente in nessuno di questi partiti,  hanno messo in evidenza come, fuori dalle animosità dei vertici più o meno locali, più o meno vecchi o con vecchie ruggini, esiste una nuova generazione che vuole costruire una nuova aggregazione per dare rappresentanza ad un elettorato di destra che é la maggioranza in Italia.
Abbiamo organizzato la giornata con tre gruppi di interventi ed ascoltare i tanti, tra consiglieri comunali e amministratori del territorio, ha fatto capire come vi sia una ottima classe dirigente giovane e capace  che saprebbe raddrizzare la schiena alla politica nazionale con il proprio esempio e l'esperienza vera maturata sul campo.
Io ho "posizionato" - perché noi Patrioti non moderiamo nulla, semmai stimoliamo le posizioni di ciascuno - un giro di interventi di tutto rispetto: Andrea Delmastro assessore di Fratelli d'Italia a Biella, Andrea Paparo assessore al lavoro di Piacenza - come me oggi non si riconosce in alcuno dei partiti presenti-  capace di portare la sua città al ballottaggio con una lista di tutti under 40, Roberto Russo assessore provinciale a Cuneo oggi in Forza Italia, il leghista consigliere regionale in Lombardia Angelo Ciocca, l'eurodeputato Fabrizio Bertot (FI) che ha criticato con cognizione di causa questo modello di Europa vera imputata del dibattito pavese.
Appartenenti a storie diverse, tutti giustamente orgogliosi della propria provenienza, ma proiettati verso il futuro con tale chiarezza di idee e di azioni da rendere semplice lo stare assieme....se non fosse per una cosiddetta classe dirigente che cala dall'alto le proprie fallimentari strategie per la propria sopravvivenza.
L'ultimo giro di interventi di Pesato, Gelmini e  Tosi  ha chiarito definitivamente come questa generazione, anche ai massimi livelli, sia in perfetta sintonia di risposte , abbia le stesse priorità per quanto riguarda le emergenze dell'Italia e della nostra gente, abbia una visione del tutto simile del futuro con pragmatismo, voglia di agire e poche chiacchiere.
Cosa pretendere dall'Europa con la consapevolezza di essere il terzo contribuente europeo, di avere un patrimonio di tutto rispetto e di non dover morire di austerità o regole imposte senza ragione: é una questione di sovranità nazionale.
Quali priorità per il livello nazionale : riforma della legge elettorale, riduzione della spesa pubblica improduttiva con troppi livelli decisionali, riforma della giustizia a partire dal ruolo esorbitante della Corte Costituzionale che impedisce al decisore politico e quindi al mandato popolare, di portare a termine gli impegni presi.
La voglia é quella di creare dei presidi sui territori di persone che vogliano costruire una nuova repubblica con ben chiari i principi valoriali a cui fare riferimento e che sappiano concentrarsi sulle azioni, per poter tornare ad avere la fiducia del nostro elettorato.

Nella gallery le foto dell'evento.

Terzo Tempo, idee e azioni per una nuova Repubblica

Mercoledì, 27 Novembre 2013 14:13

Sabato 30 novembre parteciperò al 4°incontro della rete dei Patrioti, che si svolgerà a Pavia.

Credo in una nuova Repubblica fondata sul merito e sull’efficienza, in grado di ritrovare un forte legame con territorio e cittadini.

131127 patrioti 30 nov